Reprap: mendelmax^2 come costruirla

In molti di voi mi hanno chiesto la lista delle componenti necessarie per costruire un mendelmax^2 (cioè la mia stampante di grandi dimensioni). Inizio con il linkarvi il sito da cui ho preso le istruzioni di base: www.mendelmax.com.

Per le barre di alluminio estruso servono dei profili F-20×20 che trovate qui  e di queste dimensioni:

  • N.4 da 500 mm come base in asse X.
  • N.4 da 610 mm come base in asse Y.
  • N.4 da 545 mm come barre oblique.
  • N.2 da 620 mm in asse X top.
Consiglio di prendere anche dei profili di copertura in PVC per le scanalature, in modo da poter fissare tutti i fili in modo ordinato. Procuratevi anche una filiera M4 che servirà a filettare la testa di alcune barre per il successivo fissaggio di alcune componenti strutturali.

Per la connessione delle barre, oltre alle componenti plastiche che troverete sotto, ho utilizzato anche il sistema lardone-flangia che rende più solida e stabile la struttura. Potete trovare la descrizione a pag. 78 di questo catalogo. Per le connessioni:

  • N.12 lardone-flangia (meglio prenderne 15, che non si sa mai).

Ovviamente sono necessari dei tasselli da inserire nelle guide dei profilati per poi procedere al fissaggio delle varie componenti. Una cosa fondamentale da ricordarsi è d’inserire l’esatto numero di tasselli necessari, perché una volta ultimata la costruzione per aggiungerne altri bisogna smontare tutto!

  • Un sacchetto da 50 tasselli PLM M5. Catalogo.

Servono anche delle barre rettificate per lo scorrimento degli assi X, Y e Z:

  • N.2 barre rettificate da 8 mm lunghezza 640 mm per asse Y.
  • N.2 barre rettificate da 8 mm lunghezza 650 mm per asse X.
  • N.2 barre rettificate da 8 mm linghezza 590 mm per asse Z.

Per il carrello dell’estrusore, la slitta del piatto e le guide:

  • N.12 Manicotti a sfere INA KH 0824 PP, 4 per asse.

Avviso che sono parecchio costosi, ma le prestazioni sono ottime! Evitate di prendete cineserie da 3 euro!

A questi vanno aggiunti come rimando della cinghia dell’estrusore:

  • N.5 Cuscinetti a sfera 608 resistenti alla polvere. Consiglio marca SKF.
Passiamo ora all’asse Z. Sono necessarie (grazie Mauro per la segnalazione):
  • N.2 Barre filettate in acciaio zincato da 550 mm.
  • N.4 Dadi M8 da inserire nei supporti plastici al fine di permettere la movimentazione.
  • N.2 Connettori motore-barra filettata.
Per quanto riguarda l’asse Z consiglio la lettura di questi due precedenti post:

Per la trasmissione utilizzo pulegge dentate in alluminio e una cinghia T5:

  • N.3 Pulegge dentate 21 T5 10. Monto due motori sull’asse Y ed un motore per l’asse X.
  • Cinghia dentata POL. T5 16. La vendono in rotoli da 5 metri e con larghezza da 16 mm, ma si possono facilmente tagliare alla larghezza desiderata con un taglierino.
Serve anche un letto di stampa. Nel caso non ci serva riscaldato basta una lastra di alluminio di dimensioni 440×450 mm; si trovano su ebay quelle da 500×500 mm che poi dovrete provvedere a tagliare. Nel caso desideriate un letto scaldato allora servono 2 lastre con le dimensioni sopra scritte e 4 pcb MK1. Siccome il blocco della slitta e del letto scaldato è relativamente complesso lo tratterò a breve con un articolo dedicato.

A tutto questo va aggiunta la seguente bulloneria, venduta generalmente da sacchetti da 50:

  • N.100 Viti a brugola M5 da 10 mm.
  • N.50 Viti a brguola M4 da 10 mm. Servono per il fissaggio in testa di alcune componenti strutturali
  • N.50 Viti a brugola M3 da 10 mm.
  • N.50 Viti a brugola M3 da 15 mm.
  • N.50 Viti a brugola M3 da 20 mm.
  • N.50 Dadi per M3 autobloccanti
  • N.50 Dadi per M3 normali.

Vi consiglio di comprarvi anche il cacciavite a brugola.

Ora vediamo la componente elettronica; personalmente io uso:

  • N.6 motori passo a passo bipolari Nema 17 da 2 amper fase, 2 per Z, 2 per Y, 1 per X, 1 per l’estrusore.
  • N.1 Arduino Mega.
  • N.1 Scheda di potenza Ramps 1.4 completa di Pololu.
A questo vanno aggiunti i sensori di temperatura e tutti i cavi per le connessioni. Su reprapworld vendono già tutto il kit completo per 200 euro (N.B: kit con 5 motori passo).
Come hotend io ho comprato quello di lulzbot, che costa parecchio, ma non mi ha mai dato problemi.
Con questo dovrei aver finito l’elenco del materiale necessario; le componenti plastiche che ho utilizzato ed in alcuni casi personalizzato, le potete scaricare a questo link.
Colgo l’occasione per ringraziare il Sig. Carlo Lugli del “Il Cuscinetto” per i consigli e l’aiuto fornitomi.
Se mi sono dimenticato qualcosa od alcuni passaggi non sono chiari, non esitate a contatarmi.
NextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnail
Barra trasversa asse y top
Barra trasversa asse y top
Barra trasversa asse x top
Barra trasversa asse x top
Visione frontale
Visione frontale
Il componente dell'asse x per il ritorno della cinghia con aggiunta del regolatore a vite per l'altezza in z
Asse x idle
Asse x supporto motore con modifica per utilizzare cinghia T5 da 10 mm
Asse x supporto motore
Asse z supporto motore
Asse z supporto motore
Asse z supporto motore
Asse z supporto motore
Connettore in alluminio barra-motore
Connettore in alluminio barra-motore
End stop
End stop
Particolare del regolatore parametrico
Particolare del regolatore parametrico
Asse y endstop
Asse y endstop
Supporto barre rettificate asse y
Supporto barre rettificate asse y
Asse y supporto motore
Asse y supporto motore
Angolare basso
Angolare basso
Angolare basso in unico pezzo
Angolare basso
Interno angolare basso
Interno angolare basso
Asse z top
Asse z top
visione d'insieme
Mendelmax

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.5/10 (4 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Reprap: mendelmax^2 come costruirla, 5.5 out of 10 based on 4 ratings

19 pensieri su “Reprap: mendelmax^2 come costruirla

  1. Grazie Ivan!!!!
    solo procurarsi tutto il materiale è un “bel” lavoro!!!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    • Io ho trovato tutto a Il cuscinetto di Udine. Cmq basta che ti rivolgi a negozi specializzati in trasmissioni o simili, in caso possono indicarti loro da chi rivolgerti. Per il taglio delle barre prova a chiedere al tuo fornitore, generalmente hanno l’officina, ma ti fanno pagare la manodopera.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  2. Grazie mille Ivan,
    avere una lista completa e definitiva del materiale in mezzo a questo marasma di informazioni è un ottimo punto di partenza!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  3. Ciao e grazie per questa serie di post!
    Anche io volevo costruire una mendelMax (grandezza standard però)
    e volevo solo chiedere un chiarimento: da quello che ho visto tu hai usato un piatto che scorre su due bare filettate invece della guida lineare che utilizzano sul manuale di costruzione del Trinity Labs.
    C’è stato un qualche motivo particolare per questa scelta?

    Grazie ancora per i post! Seguirò tutto con interesse.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
      • si scusa intendevo barre rettificate ma ho scritto ben altro -.-

        comunque ok ho capito. Dal punto di vista economico credo proprio che convengano le barre rettificate.

        Grazie mille. Se avrò altre domande tornerò sicuramente :)

        VA:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
        VA:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
        • Diciamo che le guide lineari sono la cosa migliore che tu possa adottare (assieme alle viti a sezione trapezoidale per l’asse z), ma il costo e la difficoltà di reperimento portano fuori dalla filosofia che sta alla base della reprap. Poi ovvio, ognuno è libero di adottare le soluzioni che vuole, ma io preferisco rimanere fedele alla filosofia di sviluppo.

          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
          VN:F [1.9.22_1171]
          Rating: 0 (from 0 votes)
  4. Ciao,
    quali sono i costi del materiale, escludendo le parti stampate?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    • Dipende da molti fattori quali la possibilità di una partita iva. La stampante completa di tutto costa di materiale sui 1000 euro se sei molto bravo e trovi dei buoni fornitori.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
      • Grazie. Non costa poco ma sembra molto stabile e solida. Io ho appena preso una Galileo ed è un po’ un disastro! Comunque complimenti per il blog: ho trovato un sacco di informazioni utili!

        VA:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
        VA:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  5. lavoro eccezionale, complimenti davvero.
    domanda: volendo realizzare il tuo progetto,dove trovo le parti in plastica per assemmblare la mendelmax ^2, e sono uguali a quellle usate per assemblare la
    mendel max 20 x 20 cm.?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    • In fondo all’articolo trovi i file delle componenti plastiche. Alcune sono diventate obsolete, ma eseguono ancora alla perfezione il loro compito. Cmq la differenza tra la mia MendelMax rispetto a quella “standard” sta solo nelle dimensioni delle barre di alluminio estruso e del piatto di stampa. Per il resto è identica.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
      • GRAZIE 1000 DELLA DISPONIBILITA’, CREDO CHE AVRO’ ANCORA BISOGNO DEL TUO SAPERE E DELLA TUA ESPERIENZA, GRAZIE ANCORA.

        VA:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
        VA:F [1.9.22_1171]
        Rating: 0 (from 0 votes)
  6. Ciao Ivan, complimenti per il lavoro che stai portando avanti con la mendelmax oversize.
    Ho visto alcuni filmati in cui stampi parti molto grandi. Non riesco a capire se utilizzi un piatto in alluminio riscaldato da sotto, o se usi qualche sostanza adesiva tipo Award o abbondante colla vinilica. potresti darmi quanche informazione in merito? grazie

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    • Ciao.
      Non utilizzo il piatto scaldato, ma un miscuglio di diverse vinavil. Per stampare in abs senza deformazioni, però la taratura del piatto deve essere perfetta.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)
  7. Ciao ivan, questa guida per la mendel max che area di stampa ha?

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  8. Ciao Ivan, innanzi tutto grazie tante per le ottime informazioni. Avrei un dubbio tuttavia: perchè utilizzi 2 motori sull’asse Y? In più dal mio conto risulterebbero necessari 11 manicotti lineari. Mi sono rifatto anche al carrello da te utilizzato nella tesi, nel quale sono presenti 3 alloggiamenti per i manicotti dell’asse X. Per ultimo una curiosità: consultando l’appendice riguardante le pulegge e le cinghie ho notato la dicitura ESECUZIONE 0F,1F ETC. Che senso hanno?
    Grazie tante ancora per la disponibilità e il tuo ottimo lavoro condiviso!

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    • Ciao,
      questo post è un po’ datato. Non servono due motori, uno è più che sufficiente se si usano manicotti di buona qualità. 12 manicotti è perché alcuni carrelli ne usano 4 anziché 3. Ora il progetto è parecchio evoluto, ma sto già lavorando ad una macchina più avanzata con sistema CoreXY. Ivan

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Immagine CAPTCHA

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>